Angel Sound - Angel Sound Fetal Doppler
21731
product-template-default,single,single-product,postid-21731,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,select-theme-ver-4.2,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Angel Sound

36.90

Cosa include Angelsounds:

– 1 Fetal Doppler
– 1 cuffia
– 1 cavo line-in 
– 1 batteria
– 1 card
– 1 manuale utente in italiano

Category:

AngelSounds è un apparecchio in grado di registrare il battito del feto nel grembo della mamma, sfruttando l’effetto Doppler a ultrasuoni a potenza estremamente bassa. Già dalla dodicesima settimana di gestazione è possibile “captare” i calcetti, i singhiozzi e il battito del piccolino in modo da stringere un sodalizio sempre più forte tra mamma e nascituro.

Con Angelsounds non si corrono rischi, poiché il suo funzionamento avviene tramite un pacco di batterie da 9 volt dalla durata di 500 minuti che corrispondono a 8 ore di funzionamento. Inoltre, questo dispositivo è certificato ed è conforme alle normative europee vigenti.

E’ possibile non solo udire i suoni del bebè ma, attraverso il cavo di registrazione, anche memorizzarli sul proprio PC e riascoltarli ogni volta che si vorrà.

Come si utilizza AngelSounds?

Per sentire il battito del piccolino è necessario attendere la 12a settimana di gravidanza, ma chiaramente tutto dipende dalla fase di sviluppo del nascituro. Infatti, può capitare di ascoltare il battito già a partire dalla decima settimana di gestazione oppure, in alcuni casi, non sentire nulla fino alla 14 settimana.

Ad ogni modo, udire il battito cardiaco del piccolino è estremamente semplice: basta posizionare la sonda di AngelSounds sulla pancia facendo dei piccoli e lenti movimenti, fermandosi per qualche secondo sulla zona interessata. Niente paura se non si percepiscono i battiti cardiaci, perchè in molti casi è possibile che il feto assuma una posizione tale da rendere difficile l’ascolto. Se l’assenza di suoni si prolunga per molte ore, allora sarà opportuno rivolgersi al proprio medico di fiducia per una visita di controllo.

AngelSounds può essere utilizzato in qualsiasi momento e tutte le volte che si vuole, anche se si consiglia di limitarne l’uso a pochi minuti al giorno e di non abusarne per un periodo eccessivamente lungo. In più, è necessaria una giusta cura e manutenzione del dispositivo: dopo l’utilizzo con un apposito gel per la trasmissione ad ultrasuoni, è buona abitudine pulire la sonda con un panno umido e asciugarla con un panno asciutto, disinfettando l’unità con alcol o una salviettina disinfettante.

Questo dispositivo va usato in aggiunta alle consuete visite mediche e non va sostituito ad esse. AngelSounds è solo un supporto ulteriore che ogni mamma può fare comodamente a casa per il controllo del battito cardiaco del proprio nascituro, in attesa delle visite programmate dal proprio medico di fiducia.

Un dispositivo sicuro e affidabile

L’ecografia diagnostica è da sempre utilizzata in medicina e, nell’arco di 30 anni, non si sono mai registrati risultati negativi o effetti avversi sui pazienti e sui nascituri, causati dall’ intensa azione svolta dagli strumenti diagnostici odierni. Nonostante gli esiti confortanti, i dati disponibili non sono proprio definitivi a causa di nuove metodologie sempre più innovative. Ecco spiegato il motivo per cui le nuove tecnologie e le apparecchiature medicali devono essere sempre ridefinite e rivalutate a vantaggio della sicurezza biologica. Le autorità mediche consigliano di limitare la diagnostica ecografica per la durata e l’intensità effettiva: l’esposizione agli ultrasuoni, specialmente per le donne in dolce attesa, dovrebbe essere ridotta al minimo e le apparecchiature diagnostiche dovrebbero essere utilizzate responsabilmente.

AngelSounds, essendo un doppler fetale portatile a batteria da 9 volt idoneo a “catturare” i battiti cardiaci e i suoni del nascituro, ha un’intensità acustica controllata internamente che non può essere regolata dall’utente e la durata dell’esposizione dipende esclusivamente dall’individuo. Perciò, è necessario mantenere il feto lontano dall’ecografia. Una volta acquisita una certa familiarità con le tecniche di esame descritte nel manuale d’istruzioni, le indicazioni diagnostiche ottimali saranno ottenute dalla ridotta esposizione agli ultrasuoni.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Angel Sound”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *